Il Colosseo

stacks_image_D60CD519-9DBE-49BD-A9B8-3AD332DB66D0

Aver visitato Roma significa principalmente aver camminato dentro l’anfiteatro più famoso e imponente del mondo, simbolo eccellente della Capitale. Parliamo del Colosseo, originariamente noto come Anfiteatro Flavio.
L’amphitheatrum è il cuore della città, dalla quale zona si snodano milioni di itinerari possibili che condurranno i turisti ad assaporare appieno l’ eterna città.
La struttura, costruita su quattro piani in mattone e rivestita di travertino, venne eretta in una vallata solo dopo il prosciugamento di un piccolo lago appartenente alla Domus Aurea.
I lavori di costruzioni iniziarono nel 72 d.C. inaugurati da Vespasiano, e vennero completati otto anni più tardi da Tito, nell’ 80 d.C.
La più grande opera d’arte dell’antica Roma giunta fino a noi cadde in disuso solo nel VI secolo e venne reimpiegata in varie maniere.
E’ risaputo che in un primo momento l’area su cui sorgeva l’edificio divenne zona di sepoltura, e poco dopo la struttura fu impiegata come castello.
Danneggiamenti gravi furono causati dal terremoto dell’ 847 e dopo di che, soprattutto fra il XV – XVI secolo, il Colosseo venne impiegato come cava da cui si estraevano nuovi materiali di costruzione. Le pietre dell’ anfiteatro vennero utilizzate per costruire palazzo Barberini, ad esempio o il porto di Ripetta.


In epoca romana la monumentale struttura ospitava i gladiatori che attendevano l’attimo della sfida, offriva agli spettatori scene di caccia, rievocazioni di battaglie famose, o ancora drammi.
Le prime ristrutturazioni della meravigliosa opera d’arte risalgono ai primi anni dell’ottocento e proseguiranno fino ai giorni nostri, a periodi alterni.
L’affascinante arena e’ organizzata in 4 piani, la sua altezza raggiunge i 48,50 metri, ricopre un area di 19000 metri quadri e la sua forma è ellittica. Ai diversi settori del Colosseo si poteva accedere grazie a scale e gallerie, la più famosa delle quali è sicuramente l’andito oscuro del Colosseo, destinato agli imperatori per l’accesso al palco imperiale dove la storia vuole Commodo avesse subito un attentato.
Per i più curiosi, il nome Colosseo è da attribuire alla imponente statua del dio Sole, il Colosso appunto, che sorgeva in prossimità dell’anfiteatro. Ad origine la statua era rappresentazione monumentale di Nerone su bronzo. Solo dopo la sua morte verrà rimodellata e le verranno concesse le fattezze del Dio Sole.

Link a questa pagina: Il Colosseo

stacks_image_2BDC70BE-905D-43BE-A9CD-895E56055EB4